LA GRAPPA ITALIANA: PRIMO DISTILLATO A MARCHIO CERTIFICATO NEGLI USA

 

 

La grappa italiana sbarca negli Stati Uniti con il progetto “Hello Grappa”, che ha portato la grappa italiana ad essere il primo distillato ad indicazione geografica italiano ad essere venduto negli Stati Uniti. Si tratta di un progetto promozionale portato avanti da una Associazione Nazionale di Categoria rappresentativa del settore, che si è aggiudicata un importante finanziamento tra quelli previsti dal Regolamento 1144/2014 per la promozione di prodotti agricoli per il periodo che va dal 2016 al 2019. L’ammontare complessivo di investimenti promozionali approvati, su base triennale, è pari a 30 milioni di euro, di cui 23 milioni derivanti da fondi europei e il rimanente è stato finanziato da una decina di lungimiranti distillerie italiane. L’obiettivo di “Hello Grappa” è quello di far conoscere la grappa italiana ai consumatori americani, attraverso un articolato piano di eventi promozionali destinati ad operatori e istituzioni locali.

 

LA GRAPPA MADE IN ITALY E L’INTERNAZIONALIZZAZIONE

 

La Grappa ItalianaLa grappa italiana rappresenta un’eccellenza del Made in Italy e lo confermano i numeri: la produzione nel 2016 è stata di 82 mila ettanidri. Per chi non è del settore precisiamo che l’ettanidro è un’unità di misura utilizzata da produttori e commercianti di grappa e altri distillati in genere. Ad un ettanidro corrispondono 100 litri di alcol anidro, cioè puro a 100 gradi. Pertanto la produzione di grappa nel 2016 è stata pari a 8.200.000 litri!

Inoltre, c’è stato un incremento del 5,5% per la grappa in bottiglia e un incremento del 7,3% per l’export versi i Paesi UE, con la Germania che si conferma il principale acquirente, seguita da Svizzera e Repubblica Ceca e, a distanza, da Francia, Belgio e Spagna.

Sorprende l’Est Europa che ha incrementato gli scambi dal 2% al 7% dell’export totale in soli sei anni, dal 2010 al 2016.

L’attività di internazionalizzazione della grappa italiana rappresenta il 28,5% del fatturato delle distillerie ed è in aumento del 1,6% rispetto allo scorso 2016.

 

UN FUTURO A STELLE E A STRISCE

 

E’ la prima volta che un distillato ottiene un finanziamento tramite i Fondi Europei per la promozione sui mercati internazionali, si tratta di un risultato storico!

Gli USA rappresentano il mercato mondiale più ambito per il settore dei distillati e per la grappa in particolare che, con il suo bagaglio di tradizione e competenze che la contraddistingue, può trovare certamente uno sbocco interessante sul mercato americano.

 

Se vuoi approfondire il tema export, capire come poter esportare il tuo prodotto, qual è la procedura corretta da seguire e di quali documenti e certificazioni necessiti, iscriviti al corso [Business in a Week USA™], l’unico corso che ti insegna a fare impresa negli Stati Uniti d’America, totalmente in lingua italiana!

 

       

Leave A Comment

Categories

 

Recent Posts

 
  Gli Stati Uniti rappresentano la seconda destinazione del nostro export agroalimentare, il settore più esportato dei prodotti Made in Italy negli USA. Prima sempre la Germania. Nel 2016 l’export verso gli USA ha superato i 4,6 miliardi di Euro. Da un’indagine di Agrifood Monitor emerge che, da Gennaio a Luglio di quest’anno, le vendite italiane
Gli Stati Uniti importano dalla Germania fino al 29 % di prodotti alimentari. L’Italia è ferma soltanto al 20%. Questo perchè non riesce a sfruttare appieno il mercato americano che potrebbe tranquillamente offrire opportunità molto concrete a tantissime imprese italiane. Esportare e vendere i propri prodotti negli Stati Uniti è più semplice rispetto a Paesi
  Il Parmigiano Reggiano ha conquistato il mercato USA e l’export USA è in continua crescita. E’ la Dop (Denominazione di Origine Protetta) più importante del Made in Italy alimentare ed è l’unica presente a livello mondiale nella top ten per affidabilità. Questa espansione del prodotto è dovuta soprattutto alla continua attenzione ai suoi valori e
A Roma il primo corso per investire oltreoceano
Oggi parlano di noi anche Panorama e il Sole24Ore. Mancano soltanto 2 giorni (un po’ meno a dire il vero) all’evento [Business in a Week USA™ – 1 Giornata a Roma]. Ti aspettiamo
Via al Business in a Week Usa
Oggi parlano di noi anche Panorama e il Sole24Ore. Mancano soltanto 2 giorni (un po’ meno a dire il vero) all’evento [Business in a Week USA™ – 1 Giornata a Roma]. Ti aspettiamo
MF – Milano Finanza parla di noi
Venerdì 30 Giugno 2017 il quotidiano MF-Milano Finanza ha intervistato il nostro Vice Presidente sull’evento [Business in a Week USA™ – 1 Giornata a Roma] a dimostrazione che il nostro evento sta attirando l’attenzione dei media italiani. Se sei interessato al tema “Business negli USA” non puoi mancare proprio tu! Mancano solo 4 giorni all’Evento dell’Anno. Iscriviti

Recent Comments

 
    BWUSA

    Copyright 2016

    Privacy policy e Cookie

    Powered by

    PMI2USA


    Member of

    800-744062 Numero Verde Gratuito

    bwusa@pmi2usa.com

    3105 NW 107th Ave
           SUITE #400
           Doral, FL 33172 (U.S.A.)