COME ESPORTARE NEGLI STATI UNITI?

 

IL SISTEMA DOGANALE NEGLI STATI UNITI

 

Export USALa gestione del servizio doganale è affidata al Customs Service, Agenzia Federale che si occupa della gestione del traffico delle merci e delle persone in transito negli Stati Uniti. La sua funzione principalmente è di controllo e di supervisione, pertanto effettua controlli ed ispezioni per combattere possibili atti terroristici, per combattere il contrabbando e le operazioni illegali che mirano ad introdurre nel Paese droga o prodotti considerati nocivi e pericolosi, e proteggere l’industria nazionale contro la concorrenza sleale di altri Paesi.

 

 

 

CHI SONO I SOGGETTI AUTORIZZATI AD IMPORTARE MERCI NEGLI STATI UNITI?

 

Le varie procedure di sdoganamento delle merci devono essere necessariamente fatte da:

 

  • Il Proprietario della merce esportata, l’esportatore;
  • L’Acquirente della merce, l’importatore;
  • Un Agente o un Intermediario doganale autorizzato dal proprietario o dell’acquirente della merce tramite una procura. Si chiamano Customs Brokers e possono essere persone o aziende, espressamente autorizzate dal Customs Service alla raccolta della documentazione necessaria a consentire l’ingresso della merce negli Stati Uniti, al pagamento dei dazi doganali e ad occuparsi del rilascio della marce eventualmente in custodia presso la dogana. In sostanza rappresentano i propri clienti, esportatore o importatore, nei rapporti con le autorità doganali.

 

I DOCUMENTI RICHIESTI

 

I documenti richiesti per importare la merce negli Stati Uniti sono:

 

  • modulo doganale 7533 (o altro modulo richiesto dalla competente autorità portuale);
  • prova del diritto di entrata;
  • fattura commerciale o fattura pro-forma, qualora la fattura commerciale non fosse disponibile;
  • bolla di accompagnamento delle merci, richiesta nel caso in cui la dogana statunitense decidesse di ispezionare la merce; la bolla è, altresì, necessaria a scopi assicurativi qualora si verificassero dei danni alla merce;
  • eventuali certificazioni o autorizzazioni particolari richieste dalle agenzie federali statunitensi per determinati prodotti (alimentari, farmaceutici, alcolici e superalcolici, tessili, etc.).

 

E’ fondamentale che tutti i documenti richiesti siano compilati in modo chiaro, leggibile e soprattutto in lingua inglese, in modo da agevolare e velocizzare il processo di sdoganamento e non incorrere in penali o eventuali perdite di tempo. Nei documenti devono essere specificati anche il numero di pezzi, il peso, le dimensioni, il valore della merce e una descrizione del prodotto.

 

LA FATTURA COMMERCIALE

 

E’ importante in fase di fatturazione della merce, consultare il cliente o l’agente americano, per verificare che non siano previste particolari voci in fattura o richieste addizionali per un determinato settore. Se la fattura risulta appropriata lo sdoganamento della merce sarà più veloce, in caso contrario, se la fattura contiene errori o omissioni, questo causerà ritardo nel rilascio della merce dalla custodia doganale, la detenzione della merce, sanzioni penali.

 

Pertanto in fattura indicare sempre:

 

  • Porto di Ingresso negli USA;
  • Descrizione dettagliata della merce;
  • Quantità della merce, peso e misure, composizione o materiale con cui la merce è stata fabbricata e prezzo finale di acquisto del prodotto;
  • Nome e indirizzo dell’acquirente o della persona, agente che prenderà in consegna la merce;
  • Paese di origine della merce;
  • Costo dell’imballaggio;
  • Costi di trasporto e spese sostenute per il trasferimento della merce (dal porto italiano al primo porto di entrata statunitense), assicurazione, commissione e tutti gli oneri;
  • Eventuali sconti e dazi doganali rimborsati o concessi all’acquirente;
  • Costo di produzione della merce;
  • Indicazione della valuta utilizzata.

 

INDICAZIONE DEL PAESE DI ORIGINE

 

Tutti i prodotti importati negli Stati Uniti devono essere identificati con il Paese di origine. Deve essere indicato sul prodotto stesso in modo chiaro e leggibile ed in lingua inglese in modo da consentire al consumatore americano di conoscere l’origine del prodotto che acquista. Tutto questo è previsto dalle leggi doganali.

In caso di mancata o incompleta indicazione sul prodotto, non si è in grado di identificare il prodotto stesso e questo comporta l’applicazione di penali a carico dell’importatore pari al 10% del valore doganale del prodotto.

 

Eccezioni in cui non è obbligatorio indicare il Paese di origine:

 

  • Opere d’arte
  • Carta
  • Pelli da conciare/da lavorare
  • Legname non ancora lavorato
  • Sigarette e sigari

 

Nell’importare alcuni prodotti specifici, gli agenti della dogana chiedono ulteriori certificazioni e autorizzazioni alle agenzie federali. Si tratta di prodotti alimentari, giocattoli e articoli per bambini, oro, argento e diamanti, prodotti farmaceutici e cosmetici e apparecchiature mediche, prodotti tessili.

 

E’ indispensabile informarsi sempre con anticipo che il prodotto che si intende esportare negli Stati Uniti, abbia ricevuto le necessarie autorizzazioni e certificazioni prima di partire. Si eviterà così perdite di tempo e di denaro, con la merce ferma in dogana in attesa di fornire la documentazione mancante e con il rischio che si deteriori!

 

Se hai bisogno di assistenza contatta PMI2USA™ cliccando qui!

 

       

Leave A Comment

Categories

 

Recent Posts

 
  Gli Stati Uniti rappresentano la seconda destinazione del nostro export agroalimentare, il settore più esportato dei prodotti Made in Italy negli USA. Prima sempre la Germania. Nel 2016 l’export verso gli USA ha superato i 4,6 miliardi di Euro. Da un’indagine di Agrifood Monitor emerge che, da Gennaio a Luglio di quest’anno, le vendite italiane
Gli Stati Uniti importano dalla Germania fino al 29 % di prodotti alimentari. L’Italia è ferma soltanto al 20%. Questo perchè non riesce a sfruttare appieno il mercato americano che potrebbe tranquillamente offrire opportunità molto concrete a tantissime imprese italiane. Esportare e vendere i propri prodotti negli Stati Uniti è più semplice rispetto a Paesi
  Il Parmigiano Reggiano ha conquistato il mercato USA e l’export USA è in continua crescita. E’ la Dop (Denominazione di Origine Protetta) più importante del Made in Italy alimentare ed è l’unica presente a livello mondiale nella top ten per affidabilità. Questa espansione del prodotto è dovuta soprattutto alla continua attenzione ai suoi valori e
A Roma il primo corso per investire oltreoceano
Oggi parlano di noi anche Panorama e il Sole24Ore. Mancano soltanto 2 giorni (un po’ meno a dire il vero) all’evento [Business in a Week USA™ – 1 Giornata a Roma]. Ti aspettiamo
Via al Business in a Week Usa
Oggi parlano di noi anche Panorama e il Sole24Ore. Mancano soltanto 2 giorni (un po’ meno a dire il vero) all’evento [Business in a Week USA™ – 1 Giornata a Roma]. Ti aspettiamo
MF – Milano Finanza parla di noi
Venerdì 30 Giugno 2017 il quotidiano MF-Milano Finanza ha intervistato il nostro Vice Presidente sull’evento [Business in a Week USA™ – 1 Giornata a Roma] a dimostrazione che il nostro evento sta attirando l’attenzione dei media italiani. Se sei interessato al tema “Business negli USA” non puoi mancare proprio tu! Mancano solo 4 giorni all’Evento dell’Anno. Iscriviti

Recent Comments

 
    BWUSA

    Copyright 2016

    Privacy policy e Cookie

    Powered by

    PMI2USA


    Member of

    800-744062 Numero Verde Gratuito

    bwusa@pmi2usa.com

    3105 NW 107th Ave
           SUITE #400
           Doral, FL 33172 (U.S.A.)