EATALY APRE ANCHE A BOSTON

 

Eataly, la catena gastronomica italiana più famosa nel Mondo, apre il suo quarto negozio negli Stati Uniti. Dopo Eataly New York Flatiron, Eataly Chicago e il recentissimo Eataly New York Downtown, Eataly arriva anche a Boston presso il Prudential Center.

 

PARTICOLARE ATTENZIONE ALLE COMUNITA’ LOCALI

 

Il tema principale di questo punto vendita è il mare e i suoi prodotti. Boston, citta di mare, ha una grande comunità di pescatori e Farinetti, CEO di Eataly USA, ha pensato di omaggiarla inserendo delle immagini della comunità di pescatori del New England all’entrata del negozio accompagnate dalla descrizione delle diverse varietà di pesce locale, immergendosi così nella cultura e nella storia del posto.

Lo slogan di Eataly è “mangi meglio, vivi meglio”, Farinetti punta sulla freschetta e sulla qualità con un’attenzione particolare per le comunità locali. A Boston infatti ha stretto degli accordi con pescatori locali e la maggior parte del pesce proviene proprio dal New England, garantendo pescato fresco tutti i giorni.

 

IL MADE IN ITALY: UNA GARANZIA

 

EATALYEataly Boston è sviluppato su tre piani con più di 4000 metri quadrati divisi in aree di acquisto, degustazione e produzione. All’interno dello store ci sono quattro ristoranti, due bar, uno Lavazza e uno Vergnano, uno spazio dedicato al cioccolato Venchi, un ricco mercato e una scuola di cucina.

Si può gustare la cucina italiana a 360 gradi, dalla pizza al piatto di pasta, e trovare oltre 10.000 prodotti artigianali Made in Italy, accuratamente selezionati e in vendita nello store. Inoltre la scuola di cucina propone al consumatore americano diversi corsi e percorsi formativi e didattici per la promozione della cultura del buon cibo italiano.

 

L’INTERNAZIONALIZZAZIONE DI EATALY

 

Il primo punto vendita di Eataly è stato aperto nel 2007 a Torino, seguito nel 2012 da un punto vendita di maggiori dimensioni aperto a Roma. Uno store di oltre 16 mila metri quadrati suddivisi in 4 piani. A Settembre 2013 è stato aperto di punto vendita di Bari e a Dicembre è stato aperto a Firenze. L’anno successivo Eataly apre anche a Milano e a Piacenza.

La prima apertura estera avviene nel 2015 a San Paolo in Brasile e successivamente a Monaco di Baviera, continuando comunque ad aprire altri punti vendita in Italia dove esalta le eccellenze locali insieme a quelle nazionali.

Nel 2016 apre tre punti vendita in Asia e sbarca anche negli Stati Uniti, aprendo i due a New York, a Chicago e per ultimo a Boston.

Il solo negozio di New York Flatiron riceve oltre 20 mila visitatori al giorno, conta 700 dipendenti e fattura 85 milioni all’anno. E’ considerato la terza attrazione più visitata della grande mela!

Farinetti ha in programma di aprire anche a Los Angeles, Las Vegas e Toronto in Canada. Il suo obiettivo è di centrare i 600/700 milioni di ricavi entro tre anni.

A nove anni dalla nascita, il futuro di Eataly è tutto in crescita. Ha chiuso il 2016 con un fatturato sopra i 400 milioni, in crescita del 20% rispetto al 2015.

Farinetti sta facendo qualcosa di straordinario, portando l’eccellenza del cibo e del vino italiano in tutto il Mondo, esaltando le diversità, le particolarità, le tradizioni, facendo quello che nessuno fino ad ora era riuscito a fare, mettendo insieme migliaia di produttori. Oggi Eataly rappresenta una grande realtà italiana, presente in tutta Italia e nel Mondo, in costante e continua crescita grazie all’entusiasmo e alla caparbietà, all’amore per l’Italia di un imprenditore lungimirante come Farinetti!

 

Se anche tu vuoi capire come fare impresa negli Stati Uniti, partecipa al corso [Business in a Week USA™], l’unico corso che ti insegna a fare impresa negli Stati Uniti d’America, totalmente in lingua italiana!

 

       

Leave A Comment

Categories

 

Recent Posts

 
  Gli Stati Uniti rappresentano la seconda destinazione del nostro export agroalimentare, il settore più esportato dei prodotti Made in Italy negli USA. Prima sempre la Germania. Nel 2016 l’export verso gli USA ha superato i 4,6 miliardi di Euro. Da un’indagine di Agrifood Monitor emerge che, da Gennaio a Luglio di quest’anno, le vendite italiane
Gli Stati Uniti importano dalla Germania fino al 29 % di prodotti alimentari. L’Italia è ferma soltanto al 20%. Questo perchè non riesce a sfruttare appieno il mercato americano che potrebbe tranquillamente offrire opportunità molto concrete a tantissime imprese italiane. Esportare e vendere i propri prodotti negli Stati Uniti è più semplice rispetto a Paesi
  Il Parmigiano Reggiano ha conquistato il mercato USA e l’export USA è in continua crescita. E’ la Dop (Denominazione di Origine Protetta) più importante del Made in Italy alimentare ed è l’unica presente a livello mondiale nella top ten per affidabilità. Questa espansione del prodotto è dovuta soprattutto alla continua attenzione ai suoi valori e
A Roma il primo corso per investire oltreoceano
Oggi parlano di noi anche Panorama e il Sole24Ore. Mancano soltanto 2 giorni (un po’ meno a dire il vero) all’evento [Business in a Week USA™ – 1 Giornata a Roma]. Ti aspettiamo
Via al Business in a Week Usa
Oggi parlano di noi anche Panorama e il Sole24Ore. Mancano soltanto 2 giorni (un po’ meno a dire il vero) all’evento [Business in a Week USA™ – 1 Giornata a Roma]. Ti aspettiamo
MF – Milano Finanza parla di noi
Venerdì 30 Giugno 2017 il quotidiano MF-Milano Finanza ha intervistato il nostro Vice Presidente sull’evento [Business in a Week USA™ – 1 Giornata a Roma] a dimostrazione che il nostro evento sta attirando l’attenzione dei media italiani. Se sei interessato al tema “Business negli USA” non puoi mancare proprio tu! Mancano solo 4 giorni all’Evento dell’Anno. Iscriviti

Recent Comments

 
    BWUSA

    Copyright 2016

    Privacy policy e Cookie

    Powered by

    PMI2USA


    Member of

    800-744062 Numero Verde Gratuito

    bwusa@pmi2usa.com

    3105 NW 107th Ave
           SUITE #400
           Doral, FL 33172 (U.S.A.)